impressioni di settembre_2

L’alba colora di colori freschi e puri l’aria che sembra sia ancora a sonnecchiare. I suoni si attutiscono e ammorbidiscono, ma il rumore di una qualsiasi gocciolina che cade da un vaso di un balcone riverbera per tutta la città.

Una terrazza, la timidezza del sole, l’arrivederci della notte, un violino, una chitarra, una voce. Averne di risvegli così: i pensieri si lasciano trasportare da una leggera brezzolina che carezza la pelle ed anche un po’ rabbrividire.

Un’esperienza quasi mistica, il concerto all’alba: un quadro di musica, colori e sensazioni, dipinto da pennelli esperti, capaci di disegnare e dare forma persino alla voce degli angeli.

Concerto all’alba nella Terrazza di Palazzo Pretorio.
The Grace, La voce degli angeli (omaggio a Jeff Buckley)

Annunci