GOMMA

Quando non so cosa fare
mi metto a masticare
una gomma sapor del mare
che mi faccia ricordare
quanto fosse bello giocare
castelli, secchielli, cantare
non avere grilli a cui pensare.

Quando non so cosa fare
mi metto a masticare
una gomma color del legno
che mi faccia ricordare
il giorno in cui facesti un disegno
per me che tra disdegno e contegno
l’attaccai con una puntina sul tirassegno.

Quando non so cosa fare
mi metto a masticare
una gomma a suon di tamburi
che mi faccia ricordare
come sarebbe bello saltare con i canguri
col marsupio pieno di mille frutti maturi
e la voglia matta di realizzare oceanici futuri.

co

Annunci

29 Settembre… quarantotto anni dopo

risvolti

Seduto in quel Caffè

O Lounge bar? O Cocktail bar? Luogopergentechevuolebereestareinmezzodistrada bar?

io non pensavo a te…

non per mia volontà. Piuttosto perché, in un posto del genere, sono troppe le cose a cui si doveva prestare attenzione e occhio: parate di capelli lunghi che si lasciavano dietro scie di Chanel n° qualsiasi, nubi di fumo di sigarette e tappeti di mozziconi sull’ asfalto, scalini affollati di gente seduta davanti a portoni di palazzine in cui la signora del terzo piano ha già posto accanto alla finestra sul corso un secchio colmo di acqua fredda.

7

Guardavo il mondo che girava intorno a me…

E girava, girava… Avevo cominciato con un piccolo bicchierino di liquido trasparente: pensavo fosse acqua, lo stomaco in seguito avrebbe svelato l’inganno. Il regolamento del venerdì sera parlava chiaro: o trangugiavi fette di prosciutto adagiate su taglieri e quindi forse insaccate insieme a schegge di legno o scolavi due o tre bicchieroni di alcool col rischio che ti si ghiacciassero le dita nella presa o non eri nessuno. Quella sera volevo essere qualcuno. “Qualcuno” : così volevo rispondere a quel tale del bar con l’occhio pio che chiedeva sempre quale fosse il mio nome.

Poi d’improvviso lei sorrise e, ancora prima di capire, mi trovai sottobraccio a lei, stretto come se non ci fosse che lei.

La luce del lampione aureolava la chioma di una figura di cui non distinguevo forma, colore, odore. Una fessura orizzontale brillava nel bel mezzo del viso come due fanali gialli che illuminano una galleria di notte. D’un tratto la folla di uomini fumanti, l’odore di menta e lime, le fette di pane e le briciole salate di patatine sul bancone, il tizio con l’occhio semichiuso perdevano consistenza visiva e tattile. La svolta del venerdì sera e il risvolto dei suoi pantaloni neri, la sbronza in un bar affollato e la stronza che mi teneva per il braccio, indicandomi la strada del ritorno.

8Vedevo solo lei e non pensavo a te. E tutta la città correva incontro a noi. Il buio ci trovò vicini, un ristorante e poi di corsa a ballar sottobraccio a lei, stretto verso casa abbracciato a lei, quasi come se non ci fosse che, quasi come se non ci fosse che lei.

Eravamo solo io e lei, di cui ancora non riuscivo a delineare confini, toni cromatici, olezzi. Ma eravamo solo io e lei, i passi miei incespicati e gli occhi suoi pieni di cispe, la mia testa sgombra e la sua presenza ingombrante. Non pensavo a te in quell’istante: il pensiero era totalmente catturato dall’enigma che si celava dietro la figura chimerica. Ricordo di strade desolate, lande asfaltate, di una città a cui non ero mai appartenuto, di melodie martellanti che sorvolavano su una pista da ballo dove vecchietti danzavano il walzer durante le sere estive.

Mi son svegliato e sto pensando a te. Ricordo solo che, che ieri non eri con me… Il sole ha cancellato tutto, di colpo volo giù dal letto e corro lì al telefono

Camera! Letto! Sete! È sabato mattina e, per mia volontà, sto pensando a te. Penso ai rimproveri che farai quando il tizio del bar ti spiffererà quel che è accaduto ieri sera, penso alle grida che aggrediranno le mie orecchie e quelle dei vicini, penso al sorriso dolce che riceverò in dono nel momento in cui deciderai, forse, tra un mese, di perdonarmi. Scendo dal letto dirigendomi in cucina e scorgo sul tavolo un bicchierone di acqua fredda che aspetta di essere sorseggiato d’un fiato, come il bicchierino del venerdì sera. La luce del sole che penetra dalla finestra del soggiorno aureola la chioma di una figura familiare, poco più in basso una fessura orizzontale brilla. Comincio a distinguere e colorare. Inciampico sui miei passi, ma tu non hai più gli occhi pieni di cispe. La testa si ingombra di domande, ma la tua presenza non è affatto ingombrante. Il telefono suona con Spotify il valzer del moscerino e non so più se sia realtà o sogno. Mi guardi con fare beffardo e poco comprensivo, bensì il sorriso seguita a splendere. Io, te e la sconosciuta ora riconosciuta. Non posso altro che parlare, ridere e amarti, irragionevolmente.

Parlo, rido e tu non sai perché t’amo. T’amo e tu, tu non sai perché.

9(29 Settembre- Equipe 84, Mogol- Battisti)

Colourful monday

Blue monday, il giorno più triste dell’anno…

Come se la tristezza fosse comprimibile in ventiquattro ore su ottomilasettecentosessanta, potesse esaurirsi in un solo giorno. Se quella equazione fosse davvero attendibile, tutti i musi lunghi, i sorrisi rovesciati, gli occhi abbassati popolerebbero il pianeta solo oggi. Sopportare la tristezza per una sola giornata, consapevoli che il “vedo tutto nero” svanirà allo scoccare della mezzanotte. Ma purtroppo, si sa, l’infelicità è connaturata in ciascuno di noi, nell’umanità, da sempre, in ogni dove. C’è sempre un pizzico triste che insaporisce il nostro vivere, pur sempre travagliato. Se non vivessimo di preoccupazioni, incapperemmo in uno stato di apatia, estraneo agli esseri viventi. Impossibile essere legati a tanti numeri inventati, a tante equazioni; siamo fatti di emozioni comprendenti felicità, desiderio di felicità, infelicità. La complessa macchina umana non si può colorare di blu soltanto: i tratti cromatici che la compongono non possono nemmeno essere solamente identificati con i colori dell’arco iridato che segue un temporale.