impressioni di settembre_2

L’alba colora di colori freschi e puri l’aria che sembra sia ancora a sonnecchiare. I suoni si attutiscono e ammorbidiscono, ma il rumore di una qualsiasi gocciolina che cade da un vaso di un balcone riverbera per tutta la città.

Una terrazza, la timidezza del sole, l’arrivederci della notte, un violino, una chitarra, una voce. Averne di risvegli così: i pensieri si lasciano trasportare da una leggera brezzolina che carezza la pelle ed anche un po’ rabbrividire.

Un’esperienza quasi mistica, il concerto all’alba: un quadro di musica, colori e sensazioni, dipinto da pennelli esperti, capaci di disegnare e dare forma persino alla voce degli angeli.

Concerto all’alba nella Terrazza di Palazzo Pretorio.
The Grace, La voce degli angeli (omaggio a Jeff Buckley)

Annunci

impressioni di settembre_1

PicMonkey Image2

Ho visto persone darsi la mano, abbracciarsi e guardarsi negli occhi mentre una voce potente e suadente riempiva ogni angolo della piazza. C’erano bambini in braccio o sulle spalle di genitori intenti a cantare a squarciagola i pezzoni che hanno segnato la loro gioventù, facendo riaffiorare ricordi di estati italiane e sudate, trascorse ad inseguire un pallone.

Quanti applausi, pianti, sguardi commossi ho potuto cogliere in due ore di pura musica:  ovunque si percepiva fremito ed emozione. I brividi correvano lungo la schiena quando osservavo sentimenti veri e profondi affiorare sui volti dei presenti. In fondo si sa che questo è il potere della musica: riesce a far vibrare le corde di qualsiasi cuore.

Quale sia la formula segreta del successo travolgente di una voce pazzesca come quella di Gianna non ci è dato saperlo, tuttavia ci accontentiamo della “meravigliosa creatura” che è riuscita a regalarci durante la prima serata del lunghissimo e tanto attteso #settembrepratese, il mese in cui la nostra città si agghinda e diventa la più “bella e POSSIBILE”.