Persone silenziose

Immagine

Di persone silenziose ce ne sono eccome.

Mai farsi illudere da un appariscente ed esuberante loquace. Dietro a tutti quei ricami parlanti, è capace di celarsi un insicuro, un soldatino rivestito, ma privato di una degna armatura. Il silenzio di una persona loquace sta nella sua incapacità di prendere fiato tra un discorso e l’altro. Egli ha paura che qualcuno o qualcosa gli tolga l’unica arma capace di sfoderare.

Sono timide presenze, nascoste tra la gente.

Timidezza e silenzio percorrono spesso due strade parallele, ma non per questo significa che una persona timida e di poche parole non abbia motivo di stare nel mondo, vivendo. È pur sempre una “presenza”, un respiro in più che si diffonde nell’aria, un battito in più che assorda l’atmosfera, una mente in più che elabora. Anche se si tratta di una presenza segreta, nascosta.

Ma il silenzio fa rumore e gli occhi hanno un amplificatore. Quegli occhi, ormai, da sempre, abituati ad ascoltare.

Una persona silenziosa comunica con gli occhi, grazie ai quali riesce a far trasparire qualsiasi tipo di emozione. Ritiene superfluo l’impiego della parola che si configura come una sorta di nemico imbattibile, sul quale mai riuscirà ad ottenere una schiacciante vittoria.                                                                                                               Il silenzio non simboleggia un’assenza, bensì una presenza tangibile; esso assume un valore fondamentale e si configura come il mezzo necessario per avviare una comunicazione, a partire dall’ascolto. L’ascolto è il primo passo per l’instaurazione di un rapporto, almeno per una persona silenziosa.

E all’improvviso scappi via, senza salutare. I tuoi occhi scendono le scale, non so cosa vanno a fare, se a commuoversi o a sognare, ad arrabbiarsi o a meditare.

Un alito di vento scompiglia i capelli e…puff! Una persona silenziosa è minuziosa, sta attenta a tutto ciò che muta. Appena accade qualcosa fuori dall’ordinario, scappa. Si rifugia in un altro mondo, il suo mondo, mondo in cui parla. Parla talmente tanto che, quando torna nel mondo di tutti, si rende conto di aver svuotato il serbatoio di parole. Quel sottoscala che una persona silenziosa si costruisce è come una sorta di casetta di legno sull’albero: nessuno può entrare, bisogna faticare per salire. Una persona silenziosa abbassa lo sguardo per evitare di far capire cosa le balena per la testa in quel momento. Una persona silenziosa piange, versando lacrime più trasparenti che mai; sogna un mondo senza rumori; si arrabbia, imprecando contro lo specchio che le si para davanti; medita, elaborando pensieri, senza parole.

Ma nell’anima si sa: c’è sempre molto da fare.

Quel sottoscala, quella casetta sull’albero necessiterebbe di pulizia, di ordine. Ed invece rimane sempre tutto lì, ammonticchiato. Nell’anima di una persona silenziosa c’è sempre la speranza di poter aprire la porta al mondo esterno, di poter aprirsi alla parola, stringendo la mano all’amico di una vita: il silenzio.

Annunci

2 pensieri su “Persone silenziose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...